LA GIOCONDA CHE VORREI…

La classe quarta dopo aver studiato Leonardo da Vinci, uno scultore, artista, scienziato e astronomo. Ha modificato uno dei suoi quadro più famosi al mondo: LA GIOCONDA. Ogni alunno ha inventato una storia con protagonista la propria Gioconda.

Giulio:

Tanto tempo fa c’era un pittore che aveva dipinto un bellissimo quadro robot che tutti volevano comprare. Il Robot, protagonista del quadro, era molto arrabbiato perché voleva stare con il pittore e uscì dal quadro e scappò più lontano che poteva, andò in un negozio di abbigliamento e cambio look così non poteva più essere riconosciuto da nessuno. Ma dopo un giorno vide un gruppo di ricercatori che lo volevano studiare e scappò ancora più lontano ma alla fine venne subito. Il robot provò a scappare ma non ci riuscì e tutto triste pensò: “il pittore era l’unico che mi voleva bene e magari mi sta cercando”. Il robot 🤖 prese un fuoco d’artificio e lo sparò in aria. Il pittore vide il fuoco d’artificio e andò a cercarlo dove era stato sparato arrivò e vide il robot intrappolato, lo slego e gli disse: “ora scappiamo via insieme”. Una volta arrivati in casa il pittore disse ti voglio chiamare GiocondROBOT e non ti lascerò mai più andare via. Vissero tutti felici e contenti.  

Anna:

C’era una volta un pittore che aveva dipinto un quadro che si chiamava Monnalisa ed era quello che gli piaceva di più ed era molto famoso e tutti lo volevano quindi lo teneva sempre sotto controllo in una cassaforte. 

Un giorno il pittore tiro fuori la Monnalisa e la mise sul letto e appena il pittore si voltò la Monnalisa scappò e ogni persona che incontrava le chiedeva se la potevano portarla a casa loro ma lei sapeva che non doveva ascoltarli.  

Quindi il re andò a cercarla e finalmente la trovò e lo mise su una carrozza.  Poi un gatto sali e si addormentò al posto della Monnalisa. Il suo pittore trovò il quadro e lo portò a casa e quando lui la vide si accorse che era diventata gatto e la chiamo Miaolisa.Da quel giorno la Miaolisa non andò più via perché il pittore comprò cibo per gatti.  

Giorgia:

C’era una volta un angelo, stava in paradiso quando vide un portale con all’interno un diavolo che riuscì ad uscire e la  AngelPOLICE lo catturò e lo portò in prigione per rispedirlo all’inferno il giorno dopo. Il diavolo chiuso in prigione sentì un rumore strano, aprì la porta e c’era il dio dei diavoli che disse: “ridammi il mio suddito”  

Il dio angelo disse” okei te lo do ma a un patto mi devi fare un patto” 

 “ Ci sto, dimmi tutto” disse il dio diavolo.  

“Non far mai piu entrare qua i tuoi scanniozzi e tutti va bene” disse il dio degli angeli  

“Ok” disse il dio diavolo  

Alla fine, finalmente, si sono accordati e il mondo degli angeli non venne più disturbato e vissero felici e contenti. 

Classe quarta